31 gennaio 2014

Grande nevicata in corso in Val di Fiemme (2)

Ecco un aggiornamento dell’una di notte, prima di andare a dormire. La nevicata non accenna a smettere. Più delle parole contano alcune immagini che ho scattato poco fa qui fuori finito di spalare. Ecco il mio barbecue. 

DSC 7205

DSC 7213

La fontana di legno.

DSC 7206

Là sulla sinistra c’è un ex pupazzo di neve.

DSC 7207

La montagnetta per la mia bimba è diventata il K2!

DSC 7210

Quella è la casetta dell’Avril. 

DSC 7211

Chissà cosa troverò domani mattina. Beh, non è che passerà poi tanto tempo. Alle 6 mi devo alzare. Buonanotte!

Pin It

30 gennaio 2014

Grande nevicata in corso in Val di Fiemme

DSC 7201

Buonasera gente! Come promesso, la neve è arrivata copiosa in Trentino, anche se la mattinata non è proprio andata come avevano previsto i meteorologi. Fino alle 14 la neve caduta era solo una spolverata abbondante, ma dalle 15 in poi ha cominciato a fare sul serio con temperature sempre intorno ai -2°C. Ora il manto nevoso sarà grosso modo sui 35-40 cm e sta nevicando a più non posso. Queste erano le strade del mio paese circa due ore fa.

DSC 7190

DSC 7186

Questa invece è la montagna di neve che ho fatto appositamente per Avril, in modo che si diverta quando sarà finita la nevicata. 

DSC 7200

Questa è la mia gallina da giardino. E’ un po’ sommersa. 

DSC 7204

Domani mattina la situazione sarà abbastanza pesante, perché le previsioni dicono che andrà avanti tutta la notte. 

DSC 7203

Vi terrò aggiornati con foto e info. A presto!

Pin It

29 gennaio 2014

Attendendo oltre un metro di neve

DSC 7302

Buonasera gente! Sembra che l’inverno sia finalmente pronto a dare la sua prima vera sferzata a noi poveri mortali. Da questa notte alle 2 inizierà una nevicata che si preannuncia storica: 4 giorni di precipitazioni che potrebbero causare svariati problemi di natura varia. Questa è la previsione su Cavalese dei prossimi giorni. 

Schermata 2014 01 29 alle 17 43 06

Come potete notare, le colonnine bianche (quelle delle precipitazioni nevose) sono alle stelle, soprattutto domani, ma anche dopo domani. Ecco il dettaglio per fasce orarie.

Schermata 2014 01 29 alle 17 43 27

Ora come ora, son previsti 80 cm di neve per domani e 45 per venerdì. Queste sono previsioni che ormai si possono considerare molto attendibili. Realisticamente è probabile che faccia meno neve di quella prevista, ma è comunque una bella botta. Soprattutto in considerazione del fatto che c’è già neve al suolo e specialmente che successivamente è prevista pioggia. Questo significa che la tanta neve caduta diventerà pesante e sono possibili grandi casini in stile Cortina a Santo Stefano di un mesetto fa.

Questo è invece quello che scrive in rosso il sito di Arpa: 

AVVISO METEO: Tra giovedì e venerdì precipitazioni estese e frequenti, con accumuli molto abbondanti sulle zone centro-settentrionali (100-150 mm, localmente anche 200). Fino giovedì mattina neve fino a quote collinari, a tratti anche in pianura specie in prossimità dei rilievi ma senza accumuli nevosi al suolo. Poi rialzo del limite della neve. Nevicate molto abbondanti generalmente sopra i 1500 m sulle Prealpi e i 1200 m sulle Dolomiti. Intensificazione dei venti.

E queste le previsioni di Meteotrentino:

Schermata 2014 01 29 alle 19 18 43

Anche il mio ritorno a casa dal lavoro domani sera è seriamente a rischio, visto che devo passare un Passo che notoriamente quando cade molta neve viene chiuso per problemi agli alberi o smottamenti di neve varia. 
Agli appassionati di neve (e sono tanti!) dico: ragazzi, vi terrò aggiornati con foto e notizie il più possibile. Stay tuned! 

Pin It

27 gennaio 2014

La rosa Civetta e il Pelmo vulcano (1)

DSC 6720

Buonasera gente! Eccomi qui a raccontarvi (mentre fuori nevica di brutto) com’è andata la mia escursione fotografica nelle Dolomiti Agordine, zona Civetta e Pelmo. Innanzitutto vi dico che è stata una luuunga giornata e che per la prima volta da quando scorrazzo per le Dolomiti, mi sono svegliato per vedere un’alba. E’ stata dura ma ce l’ho fatta. Partiamo col racconto, che come al solito avrà decine e decine di immagini, intervallate dai miei brevi commenti. Si va!
La mia sveglia suona alle 4.45 della mattina. Come uno zombie, cammino per il corridoio e raggiungo il bagno dove mi rinfresco un po’. Apro la finestra lentamente per non svegliare nessuno. Il cielo è ancora buio ma io posso vedere centinaia di stelle che brillano e ho la conferma che oggi sarà una giornata da “tutto sereno”! Arrivo a Moena intorno alle 5.40. In giro non c’è anima viva.  

DSC 6567

Ai lati della strada uno spessore di neve sui 5-8 cm. Imbocco la strada per il Passo San Pellegrino. 

DSC 6570

DSC 6571

E qui in pochi km la situazione cambia drasticamente. Le temperature da -6°C precipitano a -11°C e la neve a bordo strada aumenta considerevolmente. 

DSC 6575

Sto per scollinare ai 2000 metri del Passo. La neve qui è tantissima. 

DSC 6576

La temperatura è di -14°C.

DSC 6581

DSC 6583

Eccomi a Selva di Cadore, dopo Cencenighe. Anche qui a neve non si scherza. 

DSC 6589

E ora sto salendo verso il passo Staulanza. Qui siamo già ai piedi del Monte Pelmo, ma il buio mi impedisce di vederlo. Sono le 6.45. 

DSC 6592

Finalmente, dopo un’ora e mezza di viaggio, arrivo al mio primo punto di sosta. Siamo in località Palafavera a 1520 metri di quota. Qui ho stabilito di arrampicarmi sulle piste da sci per riuscire a fotografare l’alba sulle pareti del Civetta. Ecco la situazione quando arrivo sul posto. Il Pelmo si fa finalmente vedere alle mie spalle.

DSC 6597

Mentre di fronte a me c’è il Civetta ma per ora ne posso vedere solo un piccolo scorcio. Appena esco dalla macchina mi rendo conto che oggi sarà dura: un vento teso e gelido mi entra nel collo, cerco di vestirmi più che posso mettendomi anche il cappello che solitamente non indosso praticamente mai. Prendo lo zaino e le ciaspole e parto. Sto risalendo una pista rossa da sci cercando di non rovinarla troppo, visto che è intonsa in attesa degli sciatori che arriveranno qui oggi. 

DSC 6599

All’alba manca ancora mezz’ora circa, però il cielo a est tende già a schiarire. Devo velocizzarmi a trovare la giusta postazione. 

DSC 6598

Salgo ancora ma non riesco ad uscire da questo maledetto bosco. Non ho visuale. E son già con la lingua fuori per la fatica. 

DSC 6601

Mano a mano che salgo, il Pelmo si fa vedere sempre meglio. 

DSC 6600

Passano altri 10 minuti e il cielo schiarisce ancora. 

DSC 6605

Trovo finalmente un po’ di visibilità sul Civetta ma non mi basta. 

DSC 6602

La situazione non è come speravo. 

DSC 6619

Poi finalmente un posto dove possa vedere quasi tutto. Non era quello che speravo ma ormai non c’è più tempo. 

DSC 6613

Sono le 7.29 e lo spettacolo sta per cominciare. 

DSC 6614

Io attendo così, tra una folata gelida e l’altra.

DSC 6621

Ah, cosa non si fa per uno scatto fotografico…
Alla prossima puntata!  

Pin It

26 gennaio 2014

41° Marcialonga di Fiemme e Fassa

NewImage

E anche questa 41° Marcialonga è andata, non senza sorprese. Prima la nevicata di stamattina completamente inattesa che ha rallentato non poco la pista. Poi l’assenza di ben 800 iscritti che avevano regolarmente pagato. Dove sono finiti? Han sbagliato strada? :-) In realtà pare che capiti ogni anno, ma quest’anno veramente in molti hanno pagato per poi non presentarsi. Su 7800 paganti, sono partiti in 7000. Poi la non vittoria di uno dei due fratelli Aukland (vincono spessissimo loro) ma la Norvegià ha comunque piazzato 6 concorrenti tra le prime sei posizioni. Insomma, filotto reale! Ecco i fratelli Aukland beccati a Cavalese subito dopo la fine della gara. 

DSC 7082

Il primo, un certo Oestensen ha finito la gara in 3 ore e 10 minuti. Complimentoni! Mio fratello, qui all’arrivo, 

DSC 7121

ha tagliato il traguardo un’ora e 20 minuti dopo. Complimenti vivissimi! Altri miei colleghi sono stati un po’ meno solerti. Alcuni addirittura son stati sugli sci per 9 ore e 5 minuti! Incredibile! Questa invece è la Russa Tikhonova che per prima tra le donne ha tagliato il traguardo. 

DSC 7081

Conclusione della kermesse intorno alle 19, quando l’ultimo concorrente riuscito a passare prima della chiusura dell’ultimo cancello, ha tagliato il traguardo e dato il via allo spettacolo pirotecnico che io come al solito mi sono goduto a pochissima distanza. L’Avril godeva e si divertiva come non mai. Adora i fuochi! Concludo con alcune immagini caratteristiche della Marcialonga. A chi non l’ha mai fatta, dico di provarci almeno un anno. E’ un’esperienza molto bella, ma l’allenamento dev’essere abbastanza serio, altrimenti non si arriva in fondo ai 70 km.
Dispiegamento di forze Rai. Oggi, grazie all’annullamento di alcune gare di sci a causa del maltempo, la Marcialonga per la prima volta è andata in diretta praticamente integralmente.  

DSC 7084

Fasi all’arrivo.

DSC 7085

DSC 7088

DSC 7072

DSC 7056

Interviste Rai all’ormai ex Presidente della Marcialonga Alfredo Weiss, che ha ceduto lo scettro a Angelo Corradini lo scorso luglio. 

DSC 7090

DSC 7091

Folklore locale.

DSC 7150

DSC 7152

DSC 7149

DSC 7161

DSC 7165

DSC 7154

DSC 7168

Quattro amiche tagliano il traguardo insieme intorno alle 18.30 di sera. 

DSC 7169

Pin It
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...