29 febbraio 2012

7 marzo 2012. Novità Apple in arrivo!

 

E' ufficiale da ieri mattina, quando Apple ha diramato gli inviti alla stampa specializzata. Mercoledì 7 marzo 2012 alle ore 10 (ore 19 in Italia) presso lo Yerba Buena a San Francisco verrà presentato un nuovo prodotto, o forse più d'uno. Ecco l'immagine inserita nell'invito di Apple.

Apple ipad event 1330451113

Tutti sono certi dell'arrivo della terza generazione di iPad, con schermo a risoluzione maggiorata come prima feature. Ma può essere che altro bolla in pentola. Come al solito Apple avvolge di mistero ogni sua presentazione e anche questa non fa eccezione. Questo non fa che scatenare le ipotesi più assurde. Guardate in questo video cosa sono arrivati ad immaginare.

Per ora questo è troppo anche per un'azienda innovatrice come Apple. Comunque non ci resta che attendere il 7 marzo e scoprirlo.

Pin It

Rossella Urru libera al più presto!

Rossella 001+ 28200+x+214 29

Oggi molti blogger si stanno attivando per creare più chiasso possibile intorno a questa brutta vicenda che vede una giovane ragazza italiana ancora in mano a degli uomini senza scrupoli che l'hanno rapita esattamente 130 giorni fa, il 22 ottobre 2011. La ragazza si chiama Rossella Urru, ha 29 anni ed è nata a Samugheo, in Sardegna.  Laureata nel 2007 presentando una tesi sulla storia del popolo saharawi, Rossella stava operando in Algeria per conto del CISP all'interno di un campo profughi a Tindouf per aiutare donne e bambini a vivere una vita degna di questo nome. Anche io molto volentieri mi unisco al gran coro di voci che si sta levando dal web, visto che i telegiornali latitano un po' sulla notizia. Sembra che la Farnesina stia lavorando in silenzio per riportare Rossella in Italia, ma penso sia ugualmente utile tenere viva l'attenzione su questa vicenda e sperare che Rossella torni a casa da papà Graziano, mamma Marisa e il fratello Mauro, sana e salva. Forza Rossella, siamo tutti con te. Se volete aderire anche voi nel vostro blog, e divulgare la notizia, leggete qui e qui
Il blog di Rossella.

Grazie.

Rossella Urru a Rabouni 1546

Ros monitoras AlAiun 8

Rossella Urru a Rabouni 1515

Pin It

28 febbraio 2012

Il sole dell'Avril

DSC 8361

Col passare dei giorni Avril, nata ormai più di 6 mesi fa, vede crescere il numero dei suoi giochi. Ormai vanta una collezioni di circa 15 pupazzi, 3-4 giochi di apprendimento e alcuni dodo (quei pupazzi stoffa che ci si porta a nanna). Tra tutti questi giochi, il suo preferito è un sole che fa parte di una copertina di stoffa colorata a cui erano attaccati col velcro una serie di oggetti. Il sole in questione fa rumore stropicciandolo (probabilmente contiene un pezzetto di qualche materiale rigido) e lei diventa pazza. Ogni volta che glielo diamo in mano, lo guarda come se fosse la prima volta che lo vede, e inizia a rigirarselo tra le mani per dei quarti d'ora. Altro gioco gettonassimo, non è un gioco, bensì le confezioni vuote delle salviettine umidificate che usiamo per lei. Anche in quel caso, il rumore provocato dalla plastica stropicciata, è un potente attrattore con il quale Avril si confronta per delle intere serate. Incredibile in quanto poco si perdano i bimbi piccoli eh?

Pin It

Al santuario del Sass dla Crusc (3)

Qui la prima parte. Qui la seconda.

Con un po' di ritardo dovuto ad una indisposizione personale, pubblico la fine dell'escursione al Sass dla Crusc. Io e Marco ci stiamo recando alla postazione dove attenderemo il tramonto sulla parete ovest del Sass. Dobbiamo scegliere bene la nostra postazione, che dovrà essere ricca di particolari e dal carattere suggestivo. Vorrei trovare un angolo di questo pianoro con alcune baite, alternanza di spazi aperti e chiusi, e un ottimo scorcio sul Sass. Innanzitutto bisogna allontanarsi dalle pareti di roccia, e dobbiamo rimanere in posizione sopraelevata. Non conoscendo la zona, dovremo avere anche un po' di fortuna, contando che il posto scelto non dovrà essere troppo lontano da luogo dove abbiamo posteggiato l'auto. Il buio arriverà velocemente e non possiamo rischiare di farci trovare impreparati, anche se ho con me una pila frontale.

DSC 8117

Per ora facciamo a ritroso il percorso dell'andata.

DSC 8120

Con il sole coperto ancora da quel velo di nuvole, scatto dei controluce affascinanti. Non sembra più il sole: sembra la luna.

DSC 8126

DSC 8133

Là in fondo vedo le montagne austriache coperte dalle nuvole. Stamattina erano completamente libere.

DSC 8135

Dalla parte del Sass invece, continua l'alternanza di nuvole e sereno. Non sarà così semplice beccare il tramonto stasera. Troppe incognite… Sarà meglio cercare scorci interessanti già da ora, forse tra qualche decina di minuti avremo nuovamente cielo coperto.

DSC 8145

DSC 8142

DSC 8148

Sono le 16.30 e qualche inizio di rossore già inizia a intravedersi.

DSC 8152

Una delle croci presenti sulle creste del Sass.

DSC 8153

Siamo arrivati nuovamente alla baita dove abbiamo pranzato. Il sole ormai basso, crea bellissimi contrasti di ombre e luci.

DSC 8157

Ecco la nostra trattoria. I servizi forse han lasciato a desiderare, ma l'atmosfera era eccezionale.

DSC 8162

DSC 8167

Coi controluce, la neve diventa velluto bianco.

DSC 8163

Non capita spesso di uscire in escursione con qualcuno, allora ne approfitto per farmi immortalare con questo bel paesaggio.

DSC 8170

Una bella panoramica (ingrandibile) del Sass dal Crusc con le sue baitine innevate.

Schermata 02 2455986 alle 09 06 29

poco più avanti trovo la situazione perfetta per una foto memorabile al tramonto. C'è tutto: le baite, il massiccio ben presente, il bosco che fa da contorno, la luce perfetta.

DSC 8186

DSC 8189

Il problema è che siamo un po' lontani dall'auto. Dovremo proseguire, al tramonto mancano 60 minuti circa.

DSC 8197

Rieccoci alla baita di questa mattina.

DSC 8200

Il tempo di prendere qualcosa per dissetarci e ripartiamo.

DSC 8202

Speriamo che questo sentiero sia abbastanza panoramico da poter avere un'ottima vista verso est. E' da qui che dobbiamo passare per tornare velocemente all'auto, quindi non ci sono molte alternative.

DSC 8204

Fortunatamente la visuale aumenta, anche se non ci sono baitine in primo piano. Proseguiamo ancora un po'.

DSC 8209

Inizio a scattare particolari di cime illuminate. L'atmosfera si fa suggestiva.

DSC 8211

Ci siamo. Inizio a studiare tempi e settaggi per tirar fuori il meglio da questo paesaggio incantato. La posizione era sicuramente meglio quella con le baitine, ma non si può avere tutto.

DSC 8215

Dietro di me però, scorgo grossi problemi. Nuvolaglie più o meno grandi impediscono al sole di sbattere contro la parete ovest del Sass. Mannaggia, speriamo si spostino subito!

DSC 8217

Scatto le poche cimette infuocate che sono disponibili. Per esaltare i colori del tramonto, ho variato i settari del bilanciamento del bianco.

DSC 8219

Marco "attacca" la parete rocciosa con un tele.

DSC 8222

le potenzialità fotografiche ci sarebbero, ma...

DSC 8228

Il Sass dla Crusc è colpito dal sole solo a chiazze.

DSC 8230

Le nuvolacce non se ne vogliono proprio andare. Maledette!

DSC 8229Bisogna prendere quello che c'è ed accontentarsi. Ecco una panoramica ingrandibile dell'intero Sass.

Schermata 02 2455986 alle 09 54 34

E la situazione invece di migliorare, peggiora. Ecco cosa vedo a ovest, verso il sole.

DSC 8252

Ed ecco cosa succede al Sass dla Crusc.

DSC 8268

Però alla fine del tramonto mancano ancora 30 minuti circa. Tutto può succedere, anche molto velocemente. Aspettiamo con pazienza, la temperatura è accettabile e non c'è vento. Il sole si fa vedere a piccoli tratti sulla roccia.

DSC 8272

Che beffa!

DSC 8279

L'unica cosa che si incendia alla nostra vista, son le nuvole alte verso nord.

DSC 8287

DSC 8289

Attendiamo ancora ma non succede più nulla. Tramonto rovinato. Iniziamo a scendere, si sta facendo buio velocemente e non sappiamo esattamente quanta strada dobbiamo fare per arrivare all'auto. In lontananza, mentre scendiamo, vediamo una cima infuocata. Sembra che le nubi abbiano voluto coprire solo la nostra zona. Che nervi.

DSC 8294

DSC 8299

La situazione non migliora neppure intorno alle 18, quando il sole sta sparendo dietro l'orizzonte.

DSC 8308

Iniziamo a scendere rapidamente da un sentiero innevato.

DSC 8313

DSC 8314

DSC 8316

Scruto il cielo verso sud e mi rammarico per quello che poteva essere e non è stato. La presenza di nuvole in cielo durante un tramonto non è sempre deleteria, anzi. La loro massa riflette il sole e aggiunge enfasi a tutta la scena.

DSC 8319

Grazie ai tempi lunghi schiarisco il paesaggio che mi circonda.

DSC 8320

DSC 8321

Siamo in cammino da 10 minuti, la macchina non dovrebbe essere lontana. Le scie degli aerei diventano delle lame infuocate.

DSC 8323

ma è a sud che si è spostato lo spettacolo più magico.

DSC 8329

Ora il sentiero scende ripidamente. Della macchina ancora nessuna traccia. Sono le 18.10.

DSC 8332

Ad un certo punto abbiamo bisogno del mio fidato iPhone. Qui i sentieri non sono segnalati e siamo davanti ad un bivio. Uso l'app Mappe per individuare la direzione corretta e proseguiamo.

DSC 8341

Queste sfumature, solo la natura è in grado di crearle.

DSC 8351

Sotto di noi intravediamo una strada: forse ci siamo.

DSC 8353

Delle case abitate! La civiltà! Siamo salvi!

DSC 8355

Alle 18.25 arriviamo finalmente all'auto.

DSC 8358

In totale abbiamo percorso 13,4 km. Ecco il dettaglio del tragitto.


Itinerario ciclabile 1429562 - powered by Wandermap

Insomma, la giornata non è andata proprio come speravo, anzi la delusione è tanta. Ma anche questo servirà come esperienza personale e sarà utile per la prossima volta che verrò qui. Conoscerò meglio il posto e sarò in grado di scegliere le giuste angolazioni per catturare gli scorci migliori. L'intento mentre scatto fotografie, è quello di fare immagini degne di un libro fotografico da pubblicare. Con questo obiettivo cerco sempre di cogliere i migliori paesaggi possibili. E magari qualcosa di buono anche da questa escursione è saltato fuori. Voi che ne dite? Vi ringrazio tanto per avermi seguito anche in questa scarpinata montana. Con l'arrivo della primavera, ci saranno presto altre occasioni per conoscere altri stupendi angoli di paradiso, qui sulle Dolomiti a me tanto care.

 

Pin It
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...