30 giugno 2011

Le volpi e il capriolo

Non è il titolo di una nuova fiaba, ma il frutto di due incontri ravvicinatissimi avuti in queste serate estive, qui a meno di 30 metri da casa mia. L'altra sera stavo imbiancando la cameretta della popina, quando ad un certo punto ho buttato l'occhio fuori dalla finestra e ho visto questo:

DSC 6691

Un bell'esemplare di capriolo stava tranquillamente brucando tra l'erba alta. Ho fatto altri scatti attraverso il vetro con il tele.

DSC 6703

DSC 6698

DSC 6704

Poi l'ospite improvvisato, deve aver sentito un rumore sospetto. Si è avvicinato al bosco che ho dietro casa e lentamente si è addentrato nell'oscurità.

DSC 6708

Proprio 20 minuti fa invece, è successo l'impensabile. Da quando vivo in Trentino ho avuto la fortuna di avvistare decine e decine di animali selvatici, ma le volpi, insieme ai galli cedroni e poco altro, mi mancavano nel mio taccuino fotografico. Avevo registrato solo veloci apparizioni lungo il ciglio di una strada mentre passavo in auto. E invece... Poco fa ben 4 cuccioli di volpe con la loro madre, hanno organizzato una festicciola sempre nella stessa zona del capriolo. Qui sotto le foto che sono riuscito a fare. Sono veramente scarse, lo so, ma avevo i soggetti lontani ed era decisamente più buio che al momento dell'avvistamento del capriolo. Ecco tre dei 4 cuccioli che saltellano come dei pazzi.

DSC 6864

Questa dev'essere la madre. Era l'unica che osservava l'orizzonte con attenzione mentre i piccoli scorrazzavano.

DSC 6862

Dopo 20 minuti di osservazione e ambiente ancora più buio, ho provato anche con il flash ma con risultati ancora peggiori.

DSC 6868

Ho fatto anche un video che forse rende meglio l'idea.

Mai visto le volpi così vicine a casa e così gran numero. Soprattutto mai viste quando ancora non è notte fonda. Ora ho un po' di apprensione per la Bubina. Se a queste cinque, gli salta in mente di acchiapparla, è la fine. Sarà il caso di non farla uscire per qualche giorno. E' probabile che la mamma volpe abbia fatto la tana proprio nelle vicinanze del punto in cui ho filmato, quindi a non più di 30 metri da casa!

Pin It

29 giugno 2011

Il naso dentro le Favelas

Ci sono luoghi nel mondo che sono ritenuti, a buona ragione, malfamati e altamente pericolosi per gli estranei che hanno la malaugurata idea di addentracisi. Proprio per questa fama, noi comuni mortali siamo spesso attirati verso queste zone. Morbosamente vorremmo essere una piccola mosca e infilarci tra i vicoli, o scrutare dall'alto quello che succede. Mi viene per esempio in mente il mitico Bronx, quartiere di New York che negli anni ottanta si narrava non potesse essere neppure avvicinato, da tanta criminalità contenesse. Ora le cose sembra siano un po' cambiate, tranne nella parte sud del quartiere, dove non è "molto sano" entrarvi ad orari notturni. Alcuni scatti del sud del Bronx risalenti agli anni 70.

6631615

19767435

19767667

19767704

E che dire delle zone di confine tra Messico e Stati Uniti, una delle aree attualmente più violente al mondo, dove ogni giorno muoiono ammazzate decine e decine di persone nella guerra al narcotraffico con i vari "Cartelli" che si contendono l'enorme business. Qui è la stessa polizia ad avere paura.

M05 18373337

Ogni anno vengono sequestrate montagne di droga, ma non serve a nulla, il giro d'affari è mostruosamente più grande.

M04 18398781

Bp7

M08 18160915

Le barriere innalzate tra Messico e USA.

M27 18303627

M28 18302519

Ogni metodo è buono per far passare la merce, anche un sommergibile!

Bp5

Ma oggi vi voglio parlare soprattutto delle Favelas, enorme insieme di baraccopoli costruite con scarti edilizi di ogni genere, che crescono alla periferia delle grandi città brasiliane, soprattutto Rio de Janeiro. Qui la fa nettamente da padrone il degrado, la criminalità e la scarsissima igiene pubblica. Le baracche sono infatti prive di fognature e acqua potabile. Immaginate voi cosa vuol dire abitare in quei posti. nei dintorni di Rio sono censite circa 700 favelas dove sono ammassati milioni di abitanti. Guardate la differenza evidente tra una zona residenziale di Rio

Schermata 2011 06 29 a 11 45 06

e una zona non molto lontana dove invece sorgono le favelas

Schermata 2011 06 29 a 11 54 46

Schermata 2011 04 28 a 09 55 36

Rio4

Rio3

R02 26131411

2123301110 0cd2ae6fe2 b

70950306 a8a1a8e431 o

70950280 f56e6c85b8 o

Fatevi un giro navigando dall'alto una delle Favela più famosa: Rocinha.


Visualizzazione ingrandita della mappa

La maggior parte degli abitanti di una favela (chiamati dispregiativamente favelados) sono poveri e vivono con meno di 100 dollari al mese. Le abitazioni sviluppate in maniera irregolare sono spesso costruite sui fianchi delle colline su un terreno franabile in precedenza ricoperto da vegetazione. Le piogge torrenziali tipiche di queste zone causano numerosi crolli e anche un elevato numero di vittime. Il degrado sociale e la povertà favoriscono anche il sorgere di attività criminali. Nelle recenti decadi, le favelas sono state disturbate dai crimini legati alla droga e alla guerra tra gang. Queste sono scene di ordinaria vita quotidiana all'interno delle viuzze intricatissime delle favelas di Rio. Buon viaggio.

R04 26115349

R07 26119819

R11 26129367

R16 26130125

R20 26130907

Schermata 2011 04 28 a 11 56 53

Schermata 2011 04 28 a 11 57 37

R33 26125029

R31 26131767

R30 26105629

R06 26128907

R29 26133199

R12 26120263

R40 26141355

R37 26131879

70949838 2bd64a3815 o

Schermata 2011 06 29 a 10 28 55

Schermata 2011 06 29 a 10 29 10

Alcune cose hanno dell'incredibile. Guardate cos'è quest'intrico di cavi elettrici!

Schermata 2011 06 29 a 10 29 17

Schermata 2011 06 29 a 10 29 43

Schermata 2011 06 29 a 10 31 11

Spostarsi tra queste "abitazioni" dev'essere estremamente complicato: non esistono strade percorribili in auto, tutto è disseminato di gradini, passaggi stretti anche 40-50 cm, percorsi ad ostacoli che non finiscono mai. Il luogo ideale dove perdersi, specialmente di notte, senza impianto di illuminazione.

Schermata 2011 06 29 a 10 33 08

Schermata 2011 06 29 a 10 33 38

Schermata 2011 06 29 a 10 41 46

Schermata 2011 06 29 a 10 36 10

Schermata 2011 06 29 a 10 46 31

Schermata 2011 06 29 a 10 33 29

Schermata 2011 06 29 a 10 46 58

Guardate cosa è stata costretta a fare quest'associazione per indicare la strada a coloro che volessero andare a trovarli. Un video con tutto il percorso: seguitelo tutto, perchè vi renderete conto cosa significa girare per le favelas.

Incredibile, vero? Altre immagini direttamente dalle Favelas.

Schermata 2011 06 29 a 10 33 19

Schermata 2011 06 29 a 10 33 49

Schermata 2011 06 29 a 10 36 24

Il pericolo per i bambini è nascosto ovunque. Guardate per esempio com'è avvolto il cavo elettrico a quell'inferriata.

Schermata 2011 06 29 a 10 36 58

Schermata 2011 06 29 a 10 37 08

Schermata 2011 06 29 a 10 37 18

Schermata 2011 06 29 a 10 41 22

Schermata 2011 06 29 a 10 42 01

Schermata 2011 06 29 a 10 42 12

Schermata 2011 06 29 a 10 46 48

Schermata 2011 06 29 a 10 47 51

Schermata 2011 06 29 a 10 53 17

Schermata 2011 06 29 a 10 53 31

Schermata 2011 06 29 a 10 53 40

fav

In conclusione dovrei essere riuscito nel mio intento: farvi capire un po' meglio cosa sono le Favelas e come ci si vive al loro interno. Sicuramente un ambiente non facile, sia fisicamente che psicologicamente. Posso capire i turisti che arrivano a Rio e che al massimo preferiscono farsi fotografare con le Favelas come sfondo piuttosto che addentrarsi al loro interno. Qualche remora l'avrei anch'io.

sass

Schermata 2011 06 29 a 10 47 06

Vi consiglio caldamente di vedere questo documentario su Youtube tutto dedicato alle Favelas. Ecco la prima di 10 parti.

E voi, ci siete mai stati? Conoscete qualcuno che ci è andato?

Pin It
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...