10 aprile 2011

Via Crucis di San Martino

DSC_4703.JPG

Buongiorno gente, qui nelle lande dolomitiche sta per finire una giornata meteorologicamente meravigliosa. Oggi sette soli e un venticello tiepido hanno accompagnato la mia escursione in Val Venegia, ma proprio il sole e le temperature assolutamente fuori norma per il periodo, hanno causato un cambio di programma che ha parzialmente rovinato la giornata. Ma partiamo insieme per questa bella camminata tra le Dolomiti. 
Come anticipavo ieri, oggi in escursione non ero solo. Mi ha accompagnato Marco, il nuovo arrivato in Val di Fiemme che ancora tutto deve scoprire. Ed è proprio per far conosce a lui la stupenda val Venegia che ho deciso, come prima uscita, la salita alla Baita Segantini. Partenza dai 1674 metri del parcheggio, ai 2174 metri della Baita. 15 km in totale non impegnativi, se si esclude l'ultimo pezzo leggermente faticoso. La giornata è veramente da urlo: nessuna nuvola in cielo e limpidezza molto elevata. In più la temperatura alle 8 di mattina è già a 6°C, questo vuol dire che durante il giorno salirà di molto. Partiamo incamminandoci con molto entusiasmo, chiacchierando del più e del meno accompagnati da un profumo di bosco che ci allieta le menti. Le condizioni del sentiero sono da subito un po' disagevoli. Si schivano cumuli di neve ghiacciata e fanghino misto ad acqua.

DSC_4573.JPG

Il caldo anomalo di questi giorni ha reso la neve molto molto molle e i ruscelli riprendono vita come per magia.

DSC_4583.JPG

Arriviamo a mezza valle e si procede sempre più a fatica. Si sprofonda di colpo e fino alle ginocchia. Sinceramente nella mia testa mi ero immaginato neve si molle ma pressata dal tanto passaggio. Mi sbagliavo.

DSC_4589.JPG

Questo caldo improvviso ha fatto sbocciare in anticipo tanti fiori alpini.

DSC_4592.JPG

DSC_4593.JPG

DSC_4594.JPG

DSC_4595.JPG

DSC_4668.JPG

Anche i larici, a quasi 2000 metri, sono gia in fiore.

DSC_4672.JPG

DSC_4676.JPG

DSC_4683.JPG

DSC_4607.JPG

Eccoci alla Malga Venegiotta. Proseguiamo cercando di evitare di affossarci. La cosa assurda è che ci sono ampie zone fuori dalla strada sterrata, che sono addirittura secche.

DSC_4599.JPG

La nostra meta è la Baita Segantini che è a circa 4 km da qui.

DSC_4600.JPG

DSC_4601.JPG

Ecco, la Baita Segantini è oltre quelle colline di neve là in fondo.

DSC_4605.JPG

Il cielo continua ad essere blu e il calore del sole fa sprigionare tutti i tipici profumi del bosco.

DSC_4609.JPG

Al ponte successivo incontriamo una valanga che ha parzialmente demolito il parapetto del ponte e ha ostruito il passaggio.

DSC_4610.JPG

Questa valanga è qui probabilmente da 2-3 settimane, se non di più. Noi comunque camminiamo in zona assolutamente sicura per le condizioni giornaliere.

DSC_4662.JPG

Andiamo avanti. I tratti dove si sprofonda si alternano a quelli in cui la neve tiene ancora. La speranza è che sotto le Pale di San Martino ci sia una situazione di neve più agevole, vista l'altitudine diversa.

DSC_4616.JPG

DSC_4620.JPG

Tratti in salita. In alcuni punti si sprofonda pazzescamente. Ad ingannare lo sguardo, il fatto che non ci siano buchi fati da altri incauti escursionisti.

DSC_4621.JPG

Ecco la zona della Baita Segantini. Ora è davanti a noi.

DSC_4623.JPG

Alla nostra sinistra ci sfilano i meravigliosi paretoni delle Pale che ora sono a meno di 500 metri da noi.

DSC_4624.JPG

Anche qui alcune slavine si sono staccate nelle settimane scorse.

DSC_4625.JPG

DSC_4629.JPG

Passiamo sopra un altro ponte. Qui ci sarà oltre un metro e mezzo di neve.

DSC_4627.JPG

Si sprofonda sempre più. Alcuni pezzi di percorso sono un autentico calvario. Ogni 10 secondi siamo con la neve alle cosce. Sembra una via crucis bianca. Il fatto è che la neve non è marcia nei primi centimetri e basta ma in tutta la sua totalità.

DSC_4631.JPG

Qui anche con le ciaspole non cambierebbe nulla. Ecco alcuni buchi di oltre 80 cm fatti da noi.

DSC_4638.JPG

Dobbiamo desistere. Non si procede e per proseguire dovremmo, da qui in poi, affrontare una salita tosta e con queste condizioni di neve sarebbe impossibile. Guardate i prossimi scatti per farvi un idea. Marco mi avrà maledetto ogni volta che è sprofondato. E saran state circa un centinaio.

DSC_4644.JPG

DSC_4642.JPG

DSC_4654.JPG

DSC_4656.JPG

Niente. Decidiamo nostro malgrado di tornare indietro. Sarà per la prossima volta.

DSC_4639.JPG

Con l'andare della giornata la neve naturalmente peggiora. Ora si sprofonda anche dove prima si passava regolarmente.

DSC_4658.JPG

Altre slavine sui pendii delle Pale.

DSC_4651.JPG
DSC_4653.JPG

Una anche a ridosso della Baita Segantini che ahimè non raggiungeremo.

DSC_4666.JPG

Il Mulaz in tutto il suo splendore.

DSC_4647.JPG

Ci fermiamo in un pendio assolato e privo di neve a mangiare. Oggi il pranzo è diverso dal solito, visto che non sono solo. Pane e speck fresco.

DSC_4660.JPG

Mele fresche, strudelino, e tavoletta di cioccolato.

DSC_4661.JPG

Dopo un po' di riposo, si riparte per tornare a casa. Si cerca di stare ai bordi del sentiero. Non è semplice.

DSC_4664.JPG

Uno sguardo da vicino alle bellissime Pale. Questa è la cime dei Bureloni.

DSC_4667_2.JPG

DSC_4686_2.JPG

Qui vediamo il Cimon della Pala a destra e un pezzo della cima più alta delle Pale: Cima della Vezzana, 3192 metri.

DSC_4698_2.JPG

DSC_4701_2.JPG

Queste sono Cima Val Grande e Torre quattro dita.

DSC_4700.JPG

Ora la neve è burro. Si nuota sotto il sole. Meno male non siamo saliti fino alla Baita, saremmo tornati lavati.

DSC_4669.JPG

DSC_4671.JPG

L'acqua nei torrenti scorre più abbondante di questa mattina.

DSC_4680.JPG

Ogni tanto ci si volta indietro per ammirare il panorama incredibile.

DSC_4682.JPG

Alcuni ciaspolatori schizzano acqua e neve da tutte le parti.

DSC_4687.JPG

Che spettacolo!!!

DSC_4691.JPG

Mi faccio fare una foto da Marco.

DSC_4712.JPG

Continuerei a far foto.

DSC_4713.JPG

Ma è proprio arrivata l'ora del rientro a casa, non prima di aver immortalato il gran lavoro fatto da un picchio su un abete vicino al sentiero.

DSC_4722.JPG

Oggi è stata una mezza delusione. Non essere arrivati alla Baita Segantini mi ha un po' lasciato l'amaro in bocca. Spero che Marco si sia divertito lo stesso.

Chiudo con questo divertente trailer costruito con iMovie.

Se volete pubblico anche il video con l'audio originale.

Vi faccio vedere il nostro percorso con il bellissimo servizio offerto da Wandermap e che penso userò d'ora in avanti per le escursioni illustrate su Squarciomomo. Scorrete il mouse sul profilo altimetrico in basso a sinistra. Vedrete l'altitudine cambiare in base al punto dove si trova il sentiero. E al volo sarà possibile capire anche quanti km abbiamo percorso.


Itinerario ciclabile 896594 - powered by Wandermap
Pin It

9 commenti:

Anonimo ha detto...

il video è fantastico!! :D
sicuramente sarà stata piacevole anche per Marco!

ciao

Eleonora

Sliding ha detto...

Spero che il protagonista di questo post rimanga il fascino delle Dolomiti piuttosto che il nostro calvario! ;)
Cmq, giornata meravigliosa dal punto di vista climatico, anche troppo forse vista la stagione....neve abbondante ma completamente marcia e inadatta a reggere il nostro peso. Anche se avessimo avuto le ciaspole o gli sci le cose non sarebbero migliorate di molto.
Rimane il ricordo di una visione spettacolare anticipata di questa valle!!!
Chi ama queste cose, vede ripagate le fatiche che deve affrontare semplicemente con uno sguardo a quello che ti circonda e dai profumi che il bosco comincia ad offrire!
Alla prossima....
PS: Momo, non ti ho mai maledetto anche perché, quando si sceglie una meta lo si fa di comune accordo e quindi anche tu avresti potuto maledirmi! :D
PS2: THX!!!!

Saint Andres ha detto...

Momo, premio 10 e lode per le foto macro ai fiori e… a quella del panino :D mi ha fatto venire una voglia!!!
Grandissimo set fotografico, qua ci sono delle foto da mettere sul desktop che sono fantastiche!

Massimo BdG ha detto...

belle foto momo!
complimenti ancora..
ciao
P.S. il tonno si sarà sentito solo a casa..!!

Zion ha detto...

quanta neve! Fa proprio impressione vedervi così sprofondati :) dai fra poco arriva l'estate e sarà una escursione dietro l'altra!
Ps non avevo mai capito che i sempreverde potessero essere in fiore...che belle foto...

Momo ha detto...

Eleonora, grazie mille!

Sliding, dai che alla prossima andrà sicuramente meglio. Tieniti pronto!

Saint, grazie infinite per i complimenti! Anche se le foto secondo me migliori, non sono quelle dei fiori.

Massimo, hehehe, questa volta il tonno salta. Sarà per la prossima.

Zion, in realtà il larice non è un sempreverde. Perde gli aghi d'inverno e li rifà in primavera.

Anonimo ha detto...

tutto bello! ascolta io quest'estate vorrei fare un giro in val venegia. prima di addentrarmi in valle volevo informarmi per bene ed avere qualche cartina escursionistica sottomano. dove posso trovare un centro informazioni? posso andare direttamente al parco di paneveggio? grazie in anticipo per la risposta!

Momo ha detto...

Anonimo, io ti connsiglio le cartine scala 1:25.000 della Kompass o Tabacco. Con quelle non sbagli mai. Costano solo 7,5 euro. Al Centro info del Parco di Paneveggio non avranno nulla che copra adeguatamente la zona della Val Venegia. Comunque, prova!

Anonimo ha detto...

grazie momo sempre molto gentile nel rispondere.. non vedo l'ora di visitare questa splendida valle non sono un esperto di montagna però mi piace informarmi bene prima anche perchè ciò 200km da fare in macchina!

Posta un commento

Se stai per lasciare un commento, ti ringrazio fin d'ora. Io mi nutro di commenti! Risponderò appena il tempo me lo permette. Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...