20 dicembre 2014

5 giorni nella magica Parigi (1)

DSC 9781

Ciao gente! Eccomi finalmente a raccontarvi per filo e per segno la mia ultima vacanza finita circa 6 giorni fa. Il viaggio era una sorpresa per la Moma, che nella splendida Ville lumiére, non ci era mai stata. Eh si, perché la destinazione era Parigi! Io ci sono già stato proprio 10 anni fa, ma siccome erano veramente molte le cose non fatte e non viste, e siccome la Moma continuava a dirmi incessantemente che si sognava la Tour Eiffel che sbarluccicava, allora ecco che ho organizzato tutto a sorpresa. 

Ho prima chiesto i giorni di ferie al suo datore di lavoro (questo è un periodo per lei assolutamente intoccabile, visto che lavora in ambito turistico. Spostarsi sotto Natale era fino ad oggi, un’utopia. E invece sono riuscito (con l’aiuto prezioso di “qualcuno”) a prendere i giorni, sia per lei che per me, e da lì è partita la caccia al biglietto aereo. Volo Air France, diretto, senza scali e diurno. Poi ho scelto l’albergo. Volevo che fosse confortevole, perché sapevo che avremmo avuto bisogno di riposarci dopo giornate passate a camminare. Allora ho chiesto una camera con vasca idromassaggio. Ho poi prenotato un po’ di cosette via internet che vi spiegherò mano a mano che procederemo col racconto. E infine, a meno di 10 giorni dalla partenza, ho svelato il tutto alla Moma, attraverso un video trailer, questo. 

Quando l’ha visto, la Moma non ci ha capito nulla. Alla terza visualizzazione ha iniziato ad inquadrare che il tutto potesse riguardare lei e non qualcun’altro. E alla fine è scoppiata di gioia. Dopo la preparazione dei bagagli, e dopo aver calorosamente salutato la nostra piccola Avril (inutile portarsela dietro per chiese e Musei, sarebbe stato solo una tortura per lei. Le abbiamo però detto che andavamo a prenderle due sorprese. Ed era tutta felice), siamo partiti. E qui inizia il mio fotoracconto. Eccoci all’aeroporto di Verona. Ci attendeva un’ora e mezza di volo comoda comoda. 

DSC 9730

Il volo è stato fatto con un Embraer 170, un velivolo piuttosto piccolino, confrontato con i soliti Airbus A300 o simili. Ecco l’aereo che ci avrebbe portato in Francia. 

DSC 9731

Giornata stupenda a Verona e cielo completamente libero da nuvole. 

DSC 9734

Ci accomodiamo nei nostri posti, opportunamente scelti con il check-in on line, che ormai quasi tutti offrono. 

DSC 9737

E puntuali come degli orologi svizzeri, decolliamo. 

DSC 9738

Nel giro di venti secondi, stiamo già ammirando la pianura padana dall’alto. 

DSC 9740

Il lago di Garda con la punta di Sirmione. 

DSC 9741

Poi ecco le prealpi appena spruzzate di neve. 

DSC 9744

Dopo due minuti, ecco il lago d’Iseo. 

DSC 9745

A neppure 30 minuti dal decollo, sono sopra la Val d’Aosta. 

DSC 9747

E inconfondibile, riconosco il Cervino. 

DSC 9748

Da qui in poi, una volta entrati in territorio francese, le nuvole iniziano a ricoprire tutto. 

DSC 9749

Sapevo già che a Parigi ci attendeva una giornata grigia e forse con pioggerellina. In men che non si dica, ci prepariamo all’atterraggio. L’aereo si abbassa e lentamente entra nelle nuvole. Addio sole!

DSC 9750

Dopo 12 minuti di nebbia totale, finalmente sbuchiamo sotto le nuvole. 

DSC 9751

Ed eccoci al mostruoso aeroporto Charles de Gaulle. 

DSC 9752

Qui non piove ma fa freddino e tira vento. Tanto vento. Raffiche da 80 km all’ora. 

DSC 9756

Saluto il nostro bell’aereo che ci ha portati in Francia e ci dirigiamo a ritirare i bagagli. 

DSC 9757

Il ritiro è rapido e abbiamo tempo per guardarci un po’ in giro. Noi che veniamo dalle Dolomiti, ammiriamo tutto ciò che ci circonda con un po’ di luccichini negli occhi. 

DSC 9758

Dopo aver preso la RER B (il treno che dall’Aeroporto porta al Centro città), durata del viaggio 25 minuti, eccoci finalmente in Hotel. L’albergo che ho scelto è un Boutique Hotel, con stanze a tema. Il suo nome è Secrets de Paris e questo è il suo sito. Io ho scelto la stanza Musée D’Orsay e ad attenderci, c’è un mega orologione sopra il nostro letto, simile a quello presente nel magnifico museo parigino. 

DSC 9762

La camera non è grande (19mq) ma è veramente deliziosa. Il Secrets de Paris è un 4 stelle situato tra il Moulin Rouge e l’Opera Garnier. E’ anche a tre minuti da Place de Clichy e dalla metro. Ecco alcune immagini ufficiali dell’albergo e della nostra camera. 

14161503

Schermata 2014 12 20 alle 19 19 28

Schermata 2014 12 20 alle 19 19 37

Schermata 2014 12 20 alle 19 20 24

Schermata 2014 12 20 alle 19 22 12

Schermata 2014 12 20 alle 19 17 05

Schermata 2014 12 20 alle 19 17 26

Schermata 2014 12 20 alle 19 17 34

Schermata 2014 12 20 alle 19 12 22

Termina qui la prima parte di questo viaggio fotografico oltr’alpe. A presto per il resto.

Pin It

16 dicembre 2014

Gli occhi pieni di cose

DSC 9743

Ciao amici lettori di Squarciomomo, ultimamente vi ho trascurato non poco ma ora è arrivata un’occasione ghiotta per riaprire per bene le porte del blog. Sono appena tornato da un bellissimo ed intenso viaggio. E se avrete la voglia e la pazienza di seguirmi, cercherò di portarvi con me attraverso le mie foto. Ne ho scattate oltre 700 e spero ci sia molto materiale buono. Curiosi di sapere dove sono andato? Non dovrete attendere molto. :-)

Pin It

08 dicembre 2014

Davanti alla TV

Locandina

Il codice Da Vinci. Voto: 7. Ho rivisto questo film in preparazione ad un evento speciale che vivrò tra un po’. Non me lo ricordavo così corto. E non mi ricordavo un finale del genere. Forse ho mischiato questo film con Angeli e demoni. Bah, non capisco. In ogni caso, il film inizia ad avere i suoi annetti sulle spalle, e si vede. Però è sempre un piacere rivederlo. 

Pin It

27 novembre 2014

Tormento e angoscia

An

Pin It

22 novembre 2014

Davanti al grande schermo

Locandina

Interstellar. Voto: 8. Film direi inevitabile, epico, geniale. Ha degli elementi che avrei aumentato, tipo l’eroismo emotivo, l’azione fine a se stessa. Non che non ce ne sia, ma chi si aspetta di vedere un film tipo Armageddon, rimarrà deluso. In ogni caso, le 2,40 ore di film scorrono via veloci, anche se la prima parte ha dei tratti molto lenti. Si piange, quello si.

Interstellar 15

Bg

O INTERSTELLAR TRAILER facebook

Forse il fatto che io sia padre di una bimba ha accentuato le mie emozioni, ma la trama scorre lungo l’asse padre-figlia e a tratti il rapporto è veramente struggente.
Ah, dimenticavo: ottimo Matthew Mc Conaughey. Questo attore sta facendo passi da gigante. L’ho apprezzato molto in True Detective, e ora qui. 
Bravo!
Capitolo a parte per la colonna sonora che reputo un capolavoro. Hans Zimmer, autore di colonne sonore come quelle de Il gladiatore e I pirati dei Caraibi, ha scritto un’altra opera d’arte. Io vi invito ad acquistarla e a godervela, magari con le cuffie, stando in cima ad un monte. Da brividi.  

Interstellar

Pin It
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...